Orvieto - Via delle Acacie 39
0763/344598
info@professionaltraining.biz

MEDIATORE INTERCULTURALE

MEDIATORE INTERCULTURALE

 

 

Il Mediatore Interculturale è una figura professionale che svolge attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti.

Il mediatore interculturale è un professionista che opera in contesti ad alta densità d’immigrazione. I compiti principali del mediatore sono: – Facilitare una comunicazione in profondità tra nativi, operatori, agenzie, istituzioni e migranti. Il mediatore non sostituisce funzioni, ma riconduce la comunicazione ai soggetti principali, facilitandone le relazioni e il dialogo. – Offrire consulenza agli immigrati, e alle loro le famiglie, e associazioni per aiutarli a muoversi autonomamente nella nuova realtà sociale. Le conoscenze di base, indispensabili all’esercizio della professione: – Padronanza della lingua madre e dei codici culturali sottesi del gruppo immigrato di riferimento. – Ottima conoscenza della lingua italiana. – Competenze relazionali, comunicative, di decentramento emozionale e culturale. – Buona conoscenza dell’organizzazione sociale e istituzionale italiana. – Accanto a queste, il mediatore interculturale, deve possedere conoscenze specialistiche sui settori in cui opera o andrà a operare, secondo la complessità dei campi d’intervento in cui si misura, “specializzandosi in quel settore e aggiornandosi continuamente”1 . Il mediatore interculturale è solitamente un immigrato o comunque una persona che, per esperienze pluriennali di vita, conosce i codici linguistici e culturali della popolazione migrante di riferimento. Si individuano tre livelli di competenze per questa figura: competenze di base, di specializzazione e di aggiornamento: il primo comprende conoscenze e abilità adatte a qualsiasi contesto; il secondo prevede competenze negli specifici ambiti d’intervento; il terzo comprende competenze ulteriori rispetto a quelle acquisite nei singoli contesti operativi.

Quali compiti ha e con chi collabora il mediatore interculturale?

Tale figura ha il compito di rimuovere le barriere culturali e linguistiche, promuovendo sul territorio una cultura di accoglienza e integrazione socio-economica. Informa gli immigrati su aspetti relativi ai diritti e doveri vigenti in Italia, in particolare nell’accesso e nella fruizione dei servizi pubblici e privati.

Il Mediatore interculturale, inoltre, collabora con organismi ed istituzioni, pubblici e privati, nel processo di adeguamento delle prestazioni offerte all’utenza immigrata ed opera in tutte le situazioni di difficoltà comunicative e/o di comprensione tra persone di culture diverse. Il più delle volte a svolgere questa professione è l’immigrato stesso.

SCHEDA CORSO